OROBICA CALCIO BERGAMO

                            Società Sportiva Dilettantistica ARL -Bergamo - Scuola calcio integrata femminile e maschile - P.IVA 03142590169

Blog

LUCA PIAZZALUNGA, LA STORIA CON Lâ??OROBICA CONTINUAâ�¤ï¸�ð???

Pubblicato il 12 settembre 2020 alle 16.10 Comments commenti (0)

Luca Piazzalunga è da parecchie stagioni l’allenatore dei portieri della squadra bergamasca.

Con lui vanta una vittoria del campionato di serie B e due stagioni in serie A. Adesso un’altra stagione si prospetta per Luca con le novità Alice Lugli e Carlotta Nardi.

Inoltre @luca4piazza sarà ancora il Responsabile della Scuola Calcio Portieri�� Sharks�� che vanta, sotto le sue egida, convocazioni in tutte le rappresentative regionali, in tutte le Nazionali Giovanili U16/U17/U19 e nei CTF ⚽��

 

Lo abbiamo incontrato per alcune brevi domande.

 

Ciao Luca e bentrovato.

- Come prima domanda vorrei chiederti questo: stai iniziando il tuo 6^ anno come preparatore dei portieri, in questi anni come e quanto è cresciuto il loro livello tecnico e atletico?

LP - C'è stata indubbiamente una crescita ed anche significativa. Questo ci ha permesso di raggiungere oggi un livello di preparazione davvero molto buono.

 

- Secondo la tua esperienza, quali possono essere le differenze di preparazione tra un uomo e una donna?"

LP - La differenza è più fisica che tecnica: avendo un bacino più largo rispetto agli uomini, le donne sono più soggette ad infortuni ai crociati laterali. Oltre a questo e ad un differente tempo di recupero, non vedo specifiche differenze tra la nostra preparazione e quella dei nostri colleghi uomini.

 

- Ci aspetta un campionato lungo, con molte partite tra campionato e Coppa Italia, e combattuto, viste le nostre sfidanti. Quanto incide nel tuo lavoro con Carlotta e Alice?"

LP - Certamente una lunga stagione può incidere verso il finale, ma per quanto mi riguarda continuerò a lavorare per cercare di migliorare sempre di più i nostri portieri, poi si vedrà domenica dopo domenica.

 

Grazie Luca per la tua consueta disponibilità, ti facciamo un grosso in bocca al lupo per la stagione 2020-2021!

INTERVISTA A MISTER ARESI PAOLO

Pubblicato il 01 settembre 2020 alle 16.05 Comments commenti (0)

❤️����⚽

 

Nostro ospite oggi Paolo Aresi, tecnico della squadra primavera dell'Orobica Sharks, pronto ad affrontare una stagione dai molteplici obiettivi, dal migliorare la classifica del campionato scorso, laddove chi lo precedette chiuse al decimo posto, alla crescita delle ragazze, preparandole così al grande salto fra le grandi del calcio femminile.

 

"Innanzitutto Mister benvenuto.

 

L’Orobica può vantare di uno dei settori giovanili più ampi e meglio strutturati su tutto il territorio nazionale: quanto è importante il lavoro fatto nelle precedenti categorie per poter portare poi ragazze pronte ad affrontare il campionato primavera e, addirittura, i primi allenamenti con le grandi?

P.A.: Per me è una prima doppia esperienza: nel calcio femminile e nel mondo dell’Orobica.

Parlando con i colleghi allenatori delle altre categorie (allieve-giovanissime), la sensazione è che vi sia, dietro le quinte, un lavoro straordinario!

Questo sicuramente fa ben sperare per il futuro e non è detto che alcune ragazze allieve siano aggregate velocemente al gruppo primavera che annovera 15 elementi con un solo fuoriquota 2001.

 

La scorsa stagione, bruscamente interrottasi per via della pandemia, ha visto l’Orobica

chiudere al decimo posto. Quali sono gli obiettivi sportivi che si è prefissato con questo gruppo?

P.A.: Il periodo che abbiamo e stiamo tuttora passando, è particolare e difficile per tutti. La rosa è stata notevolmente rinnovata. L’obiettivo che io e la società ci siamo prefissati, è quello di rimanere in Primavera 1. Come sicuramente saprai, il prossimo anno il campionato Primavera sarà suddiviso in 1 e 2, come avviene già nel maschile. Siamo consapevoli del fatto che la concorrenza sia agguerrita, ma noi proveremo a centrare il nostro obiettivo.

 

Continua nei commenti....

F.to Matteo Carminati

2 sett.

Immagine del profilo di orobicacalciobergamo

orobicacalciobergamo

Un altro grande obiettivo è certamente quello che la vedrà impegnato nella crescita

delle sue ragazze in previsione del grande salto. Crede che in questa rosa vi siano

ragazze già pronte per il campionato di serie B?

P.A.: Come già sottolineato, il progetto, che consiste nel far lavorare le ragazze a stretto contatto con la prima squadra, fa sì che alcune di esse possano spiccare, possano mettersi in evidenza. Ad oggi posso dirti che, a mio parere, per struttura fisica e mentalità, alcune ragazze siano già pronte per il salto di categoria.

In conclusione, un grande in bocca al lupo a lei e alle sue ragazze, è un’ultima curiosità, fra le più giovani presenti in squadra allora possiamo aspettarci qualche gradita sorpresa?

Magari già in chiave Prima Squadra?

P.A.: Per le più giovani sono dell’idea che bisogni dar loro il tempo di ambientarsi, creando un buon ambiente e un buon clima che possa permettere loro di esprimersi al meglio sul campo. Sarà nostra premura valutare i loro miglioramenti e le loro capacità.

Ti ringrazio e anch’io mi unisco agli auguri per le ragazze. Vorrei vedere nella mia squadra la

personalità e la cattiveria agonistica necessarie per disputare questo campionato, perché ho imparato, durante la mia carriera da calciatore e allenatore, ad avere rispetto degli avversari, ma mai paura.

Per ultimo, ma non meno importante, faccio un grosso “in bocca al lupo” agli Staff di tutte le

squadre, dalla Prima Squadra fino alla Scuola Calcio".

LUCA PIAZZALUNGA: UNA DEDIZIONE PER L�??OROBICA BERGAMO

Pubblicato il 04 agosto 2019 alle 14.25 Comments commenti (0)

Luca Piazzalunga è ormai da 4 anni (1 con giovanissime ed allieve, 3 con la prima squadra) il preparatore dei portieri dell’Orobica Bergamo Sharks o come meglio dire ormai l’allenatore degli estremi difensori rossoblù visto che due anni or sono ha acquisito il patentino di “allenatore dilettante portieri”.

 

Originario di Lallio ha svolto un lavoro egregio per la società bergamasca culminato con la crescita di Lia Lonni, classe 2000, diventata ormai uno dei migliori portieri giovani del panorama calcistico femminile italiano. Ma facciamo due chiacchiere con lui.

 

Ciao Luca e grazie per la disponibilità.

Prima di tutto ti chiedo un bilancio di quello che è stato il tuo lavoro fino a questo momento ed in che cosa pensi di essere migliorato.

- Beh mi appresto ad affrontare il quinto anno qui all’Orobica, il quarto da preparatore della prima squadra, con un bilancio molto positivo e credo di essere migliorato in molte cose grazie anche alla società che mi ha permesso di acquisire il patentino e di fare vari corsi di aggiornamento oltre alla maturata esperienza che ti aiuta molto sotto tutti i punti di vista.

 

La figura di allenatore dei portieri come quella del preparatore atletico è sempre un pò in secondo piano rispetto al mister della prima squadra almeno a livello mediatico. Ci puoi accennare come si gestiscono e come si lavora con due portieri, a volte tre con quello della primavera, durante la settimana?

- Il mio lavoro durante la settimana che si articola in quattro allenamenti solitamente lo gestisco così: il lunedì analizzo prima la precedente partita con i miei portieri per poi allenarli principalmente su pregi e difetti mostrati in campo. Gli altri due giorni li dedico ad altri aspetti tipo la forza veloce o la reattività su palle alte. Il venerdì preferisco fare dei “situazionali” anche d'accordo con mister Marini e col suo staff che possono essere palle alte, calci piazzati, calci d'angolo eccetera.

 

Una domanda particolare: usi attrezzi particolari per allenare?

- Non uso attrezzi particolari, sono un allenatore che preferisce molto il “situazionale” cioè fare degli esercizi che possono riprodurre delle situazioni tipiche della partita. Gli attrezzi che uso sono i soliti: paletti, cinesini e conetti. Mi piace molto usare le sagome: L’unico attrezzo particolare che utilizzo è che secondo me è molto efficace si chiama Gunner ed è un deviatore di traiettorie.

 

Hai avuto nel passato ma anche adesso un modello di riferimento a livello di portiere nel senso delle caratteristiche che vorresti vedere nei tuoi estremi difensori?

- Io sono un preparatore che è molto amante della tecnica per cui anche se sono interista il mio modello di portiere, secondo me il migliore di sempre, vale a dire Gigi Buffon.

 

Quanto è importante per un portiere l’aspetto psicologico vista la delicatezza del ruolo?

- Sì l'aspetto psicologico del portiere è molto importante. Lo studio in profondità e ne parlo spesso con i miei portieri soprattutto su difficoltà e dubbi che hanno. Nel calcio femminile a livello di estremi difensori è una parte di preparazione che va curata parecchio.

 

Parlaci un po’ di te e di come ti è venuta la passione per il calcio.

- Mi reputo una persona molto semplice, un po' timida che non ama parlare molto di sé ma preferisce far parlare il campo. La passione per il calcio non so da cosa mi è venuta so solo che il primo pallone l'ho preso in mano intorno ai 4 anni e poi ogni momento era buono per giocare a calcio, un pezzo di campo, una strada, un cortile. All’oratorio si mettevano giù le cartelle o i maglioni per fare le porte e poi si giocava fino a quando i genitori non venivano a sgridarti perché si stava facendo tardi.

 

Sta per iniziare una nuova stagione con l’Orobica. Quali sono i tuoi obbiettivi?

- Ora che sappiamo che l'anno prossimo saremo ancora in Serie A l'obiettivo della nuova stagione è uno solo cioè restarci.

 

Domanda ovviamente di rito: cosa ritieni abbia bisogno il calcio femminile per emergere?

- Il calcio femminile per emergere ha bisogno di maggiore visibilità. Devo dire che quest'anno con il risultato della nazionale ai recenti mondiali qualcosa secondo me si potrà muovere solo che devono essere le persone che contano a voler fare qualcosa in tal senso. Speriamo di essere sulla buona strada.

 

Per concludere puoi dire qualcosa ai numerosi supporter dell’Orobica che sia sul web che al campo di gioco seguono ormai da anni la squadra bergamasca?

- Ai nostri supporter posso solo dire grazie per l'affetto e la passione che ci mettono. Il sostegno che ci danno è una cosa molto importante. Non scorderò mai tutto l'affetto che ci hanno dimostrato nella stagione di serie B di due anni fa cioè quella che poi ci ha portato in serie A, soprattutto tutta la gente che si è mossa per venire al play-off a Parma. Questo è un ricordo me lo porterò dentro per sempre.

 

Quindi abbiamo conosciuto più da vicino Luca al quale auguriamo un grosso “in bocca al lupo” anche per la stagione 2019/2020.

AARON PAPADATO

Pubblicato il 26 luglio 2019 alle 05.05 Comments commenti (0)

AARON PAPADATO CONFERMATO QUALE ALLENATORE IN SECONDA DELL’OROBICA BERGAMO SHARKS


E’ entrato in punta di piedi due anni fa ma a distanza di tempo si è rivelato un validissimo secondo di mister Marini. Stiamo parlando di Aaron Papadato, al secondo anno nel sodalizio rossoblù


Ciao Aaron e ben ritrovato

Allora ti chiedo a questo punto della tua esperienza all’Orobica qual è il tuo bilancio sul tuo lavoro e su ciò che hai ricevuto dalla società nel suo complesso?

È un’esperienza incredibile quella che sto vivendo e spero continui per tanto tempo. Certo avere a che fare con tante ragazze non è semplice, ma quello che riescono a darti è impagabile. Personalmente ho ancora tanta esperienza da fare, per poter contribuire in maniera sempre crescente agli obiettivi che continuamente ci imponiamo e a questo proposito la società aiuta con tanti sforzi la crescita in ambito professionale di tutti i collaboratori. Grazie a loro ho potuto conseguire a fine 2018 il patentino UEFA B


Hai trovato le differenze che ti aspettavi nel mondo del calcio femminile oppure alcune inaspettate?

Avendo una sorella maggiore che per tanti anni ha calpestato campi di calcio e con la quale ho condiviso questa passione avevo già un'idea di cosa aspettarmi. Certo è che vivendo personalmente il campo tutti i giorni con queste fantastiche ragazze si impara sempre qualcosa di nuovo


Ti faccio una domanda particolare tanto mister Marini non ci sente ….. Che tipo è?

Mister Marini è in primis una persona molto intelligente, con tanta voglia di insegnare calcio (dove le sue qualità raggiungono livelli incredibili) e condividere il lavoro con i collaboratori. Per questo ci siamo e ci troviamo bene insieme, il confronto costruttivo è fondamentale nel lavoro e con lei si può parlare di qualsiasi cosa. In campo ha la caratteristica unica di intuire con anticipo quello che sta accadendo, cosa molto rara.

Meriterebbe assolutamente di essere alla guida di squadre di livello massimo


Molte volte la gente in generale non è a conoscenza dell’effettivo lavoro oscuro ma importante di un allenatore in seconda. Ce lo puoi illustrare?

Il compito principale di un allenatore in seconda è quello di affiancare il primo e non intenderlo solo come sostegno. Deve assorbire le competenze del primo e migliorarsi in funzione degli obiettivi, ma anche quello di collaborare e portare con tutti i suoi mezzi a disposizione un valore aggiunto. Deve avere un buon rapporto con la società che permetta di essere un collegamento tra il primo allenatore e la società stessa, e di essere sempre di supporto al primo soprattutto nei momenti di difficoltà. Deve “vivere" la squadra e supportare lo stress e la pressione nei confronti del primo allenatore

 

Parlaci un po’ di Aaron Papadato dentro e fuori dal campo

Non mi reputo diverso dentro e fuori dal campo, voglio essere sempre me stesso. Cerco di mantenere in qualsiasi situazione la serenità e la tranquillità, sperando di trasmetterle a tutte le persone che ho davanti, anche se non è facile. Ascolto sempre il parere di tutti perché anche da assurdità si può sempre imparare qualcosa


Cosa pensi abbia bisogno il calcio femminile per crescere e poi credi che il risultato della nazionale possa contribuire da solo?

Il risultato della nazionale è indubbiamente un ottimo contributo, ma chiaramente non può bastare. Bisogna investire in strutture che siano adeguate, sviluppare le giovanili, formare tecnici, collaboratori e dirigenti. Ma soprattutto impedire che il denaro abbia la meglio su quello che dovrebbe essere il calcio: uno sport, con valori, dove le ragazze possano crescere sia a livello tecnico tattico che personale. A volte mi domandi se per far crescere il movimento sia meglio che le squadre di massimo livello investano sulle giocatrici straniere o sulle giovanili con maggior importanza. Sicuramente un aiuto dovrebbe arrivare dalla federazione in tal senso


Quali sono i tuoi obbiettivi personali e di squadra?

A livello personale ho tantissima voglia di crescere in campo tecnico, la soluzione di affiancare mister Marini che sia la migliore. Per la squadra l’obiettivo principale è lottare per un rientro rapido in serie A dopo la beffa dell'anno passato


Grazie Aaron per la tua disponibilità ed anche per questa stagione in bocca al lupo!!

SALVATORE SERGES

Pubblicato il 25 luglio 2019 alle 05.05 Comments commenti (0)

NOVITA’ PER LA PRIMAVERA DELL’OROBICA BERGAMO SHARKS!


Sarà Salvatore Serges il nuovo allenatore della Squadra Primavera dell’Orobica Calcio Bergamo.


Un destino probabilmente visto che dai primi contatti fino all’annuncio ufficiale sono passati pochi mesi. Originario della Sicilia e già collaboratore di società importanti quali Juventus ed Inter (con partecipazioni a loro attività e inserimento in Accademia Inter) nonché patentino “Uefa B”, per la prima volta si cimenta con un team di calcio femminile, diventando anche collaboratore della prima squadra.


Conosciamolo più da vicino.


Ciao Salvatore e benvenuto all’Orobica.

Prima domanda di rito: cosa ti ha spinto ad accettare di lavorare per una società di calcio femminile?

- Buongiorno a tutti, sicuramente la bontà del progetto ma soprattutto delle persone che ne fanno parte, in poco tempo ho avuto modo di appurare competenza e organizzazione degni di un club che comunque vada andrà a fare un campionato importante.


Che differenze pensi di trovare tra calciatori e calciatrici soprattutto in ambito giovanile?

- Credo sia arrivato il momento di dare la giusta visibilità , senza distinzioni, al calcio femminile, che gode di un momento di espansione non soltanto mediatica. Nel campionato primavera nazionale il tasso tecnico è veramente elevato, per poter vedere giocate simili nel calcio maschile, bisogna scalare non di poco le varie categorie. Alcune distinzioni vanno fatte dal punto di vista atletico e psicologico, ma assieme a tutto lo staff saremo in grado di prepararci al meglio.


Parlaci un po’ di Salvatore Serges dentro e fuori dal campo.

- Non amo parlare molto di me, preferisco farlo in campo. Non riesco a scindere lo sport dalla vita, perché per me sono in simbiosi, nel pochissimo tempo libero a disposizione amo dedicarmi alla mia famiglia e ai miei amici. Per il resto spendo tutto me stesso per svolgere al massimo ciò che sono chiamato a compiere.


Cosa ti aspetti da una società ormai consolidata come l’Orobica e cosa pensi di poter dare con il tuo lavoro?

- Come dicevo poc’anzi, ho notato un ambiente altamente professionale, in Fabio Taiocchi e in Coach Marini della prima squadra, con la quale avrò il piacere di collaborare, ho visto la mia stessa passione e soprattutto una linea di pensiero comune, elemento fondamentale per poter svolgere al meglio il nostro lavoro. Con poche parole e molti fatti hanno dimostrato di volermi, adesso tocca a me.


Lancia un messaggio ai tuoi nuovi tifosi che ti supporteranno durante la stagione unitamente alla tua squadra.

- Spero possa regalare loro un calcio avvincente, che avvicini quante più persone possibili a questo sport e soprattutto a questi colori, forza Orobica.


Dunque un nuovo tassello per l’Orobica che si sta preparando alla nuova stagione 2019/2020.


In bocca al lupo mister Serges!!


#mrsalvatoreserges

#bergamosharks

#orobicacalciobergamo

STAFF PRIMA SQUADRA E PRIMAVERA

Pubblicato il 24 luglio 2019 alle 05.10 Comments commenti (0)

NUOVA COMPOSIZIONE DEGLI STAFF NAZIONALI DELL'OROBICA ��


Squadre Nazionali pronte a partire!

Con la notizia del possibile ripescaggio in Serie ��️, la Società bergamasca ha puntellato gli Staff Tecnici e Medici ��della Prima Squadra e della Primavera inserendo figure professionali di grande rilievo.


Lo Staff Medico sarà formato da Medico Sociale e Fisiatra, affiancati dal Fisioterapista Barbesta Sergio e dalla Massaggiatrice (con diverse specializzazioni) Truglia Fabiola, con il supporto di Angelo Sciarra.


Nello Staff Tecnico di nuovo Coach Marianna Marini, che ha fortemente resistito alla tentazione �� che è arrivata dall'esterno di andare ad allenare altrove, per decidere di concentrarsi ancora sul progetto Tecnico che da lei è nato anni fa e che, in un momento di grande espansione della Società rossoblu ����, sarebbe rimasto senza la sua pedina fondamentale se la stessa avesse scelto altri lidi.


La Coach verrà affiancata per la parte tecnica da Aaron Papadato, Uefa B che conosceremo meglio in un'intervista �� ��a breve pubblicata, al suo secondo anno di esperienza all'Orobica, e da Alessandro Manzoni, che lo scorso anno si è rivelato un ottimo giovane allenatore, su cui la Società intenderà puntare a lungo.

New entry ���� nel panorama delle #BergamoSharks sarà il Dott. Salvatore Serges, di cui sentiremo parlare�� parecchio poiché, oltre alla collaborazione tecnica con la Prima Squadra, il suo avvento coinciderà con il nuovo incarico di Allenatore della Squadra Primavera (a breve scambieremo 4 chiacchiere anche con Salvatore).

Il Preparatore Atletico ���� sarà il Dott. Guido Mangiaracina, lo scorso anno al Milan Ladies e quest'anno pronto a scendere in campo per l'Orobica!

A completare lo Staff Tecnico l'Allenatore dei Portieri ✋��⚽���� Luca Piazzalunga, ormai storico Allenatore rossoblu, che potrà contare su una propria Scuola, ovvero uno Staff personale di preparatori dei portieri che alleneranno le giovanili.


Il grande lavoro del Team Manager Taiocchi Fabio ha portato i suoi frutti e pone le basi di un'annata che sarà sicuramente speciale ⚡ con questi presupposti.


Professionalità e dedizione alla causa bergamasca ��: la stagione si annuncia decisamente in discesa e la Società, che ha lavorato tanto bene durante l'estate☀️ sotto innumerevoli punti di vista, non vede l'ora ⏱️ di vedere all'opera i propri tesserati, magari di nuova nella mAssima Serie!


A breve la presentazione degli allenatori e dei collaboratori delle squadre SGS.

In bocca al lupo �� a tutti!!


Forza

#orobicacalciobergamo

#bergamosharks

#coachmarini81

#stafftecnicoorobica